From 2015 you can fully follow all the news, information, videos, etc. about Rolando Villazón (and villazonista community) here:

FACEBOOK Rolando Villazón -Villazonistas
https://www.facebook.com/rolandovillazon.villazonistas

TWITTER @villazonistas https://twitter.com/villazonistas

----------------------------------------------------------------------------------

14 dic. 2011

L'ELISIR D'AMORE - CRÓNICAS DE SANDRO Y CLARA

foto: Sandro

Los amigos Sandro, Nadia, Margherita, Agnese y Clara estuvieron en la función del 11, de L'elisir d'amore en Zurich. Nos comparten sus crónicas Sandro y Clara, que es soprano (leer más sobre ella), y las fotos son de Sandro y Nadia. Grazie mille a tutti!


Rolando eres nuestro Elisir d’amore
Avreste dovuto vedere l’interno della Opernhaus di Zurigo nel momento immediatamente successivo alla sublimazione della parola amore a conclusione del bis della Furtiva lacrima. Il pubblico in platea in piedi, tutto, sembrava spingersi come un’onda anomala verso il palcoscenico, come attratta da un richiamo irresistibile.  Al centro della scena una figurina esile, Villazòn, smarrito, che, nonostante tutto quello che sta accadendo intorno a lui, non riesce ad uscire dai panni del personaggio, da tanto che ci è sprofondato dentro, a chiedersi, forse,  “Ma tutto questo sta succedendo a me?  Cosa sarà tutto questo accendersi di passioni che non si tengono? Sarà l’effetto dell’Elisir?”.  Dai tre ordini di palchi del teatro stessa scena, standing ovation, impossibile fermarsi. 
-
Ma non è stata l’esecuzione, molto bella peraltro, di una delle arie più famose e straordinarie della storia del melodramma, a scatenare questo fenomeno di “isteria collettiva”, bensì un’interpretazione, quella di Rolando, che fin dall’inizio dell’opera si rivela stupefacente.  Un personaggio quello di Nemorino,  che ormai possiede e al quale conferisce una cifra, un  portato poetico che genera un senso di vertigine in chi lo ascolta e lo vede. Lo risolve prima di tutto attraverso il canto, che l’altra sera è stato assolutamente perfetto, mostrando un gusto e uno stile impareggiabile nel porgere le frasi, nel cesellare le parole, nel modulare i suoni in quel modo che solo Rolando sa fare. Un canto mai retorico, mai pomposo, bello, di grande bellezza e sobrietà. Non c’è incertezza nel suo canto, tutto scorre con grande naturalezza. Sotto questo profilo si può dire di essere tornati ai giorni migliori. “Il tuo Nemorino è sempre più bello, ma come fai?” gli ho chiesto  nello stage door.
E poi c’è il Rolando attore, grande mattatore, capace di metamorfizzarsi, ridiventare fanciullo, restituire attraverso un caleidoscopico repertorio di gesti anche minimi, ma efficacissimi, espressioni, vibrazioni, l’ingenuità, la generosità, la passione di un personaggio al quale conferisce una grande, grandissima umanità. Comico e tenero. Già ho citato, in un mio precedente post, il nostro grande  Massimo Troisi, e non posso esimermi dal ricordarlo ancora a proposito di Rolando.  
Per la cronaca ha ripetuto la famosa performance delle 3 mele durante il duetto con Adina “Trallarallarallallallallero…”, aggiungendo più avanti altre prodezze … “circensi”!
L’allestimento cala la vicenda in un contesto marcatamente fiabesco dove i personaggi più spiccatamente comici emergono grazie al loro abbigliamento smaccatamente grottesco.
E’ stata un serata di quelle che lasciano un segno profondo, anche a detta dell’amica villazonista Agnese che, ancora ieri, era “ancora con la testa e col pensiero a Zurigo…”  Nadia, Margherita e la new entry Clara, della quale seguirà una recensione relativa, soprattutto al canto essendo lei una soprano, augurano a tutte le amiche e agli amici villazonisti un grandioso Natale nel segno di RRRolandissimo!!!
 … e, soprattutto, “Si può morir, si può morir d’amor!” 

Sandro

foto: Nadia


Grande Rolando!
In una recita indimenticabile come l'Elisir dell'11 dicembre scorso, il protagonista assoluto e indiscusso è stato senza dubbio lui, Rolando. Egregiamente diretto da un Nello Santi incredibilmente presente, al quale talvolta il coro (con un'ottima vocalità e timbrica) ha faticato a star dietro, il grande tenore si è esibito con colleghi di buon livello: un grande (tecnicamente e scenicamente) Michele Pertusi, Dulcamara, un massimo Cavalletti, Belcore dotato di buona vocalità anche se non sempre preciso ritmicamente, una convincente Giannetta e una Malin Hartelius, Adina con una voce morbida nel centro, ma meno gradevole nel vibrato degli acuti (cosa che forse motiva la scelta, discutibile, del taglio della cabaletta finale "il mio rigor dimentica"). La performance di Nemorino è stata nel complesso impeccabile (a parte la dimenticanza di "oh gioia inesprimibile"!): Rolando ha dimostrato di essere pienamente padrone del suo timbro caldo e avvolgente e, anche se talvolta negli acuti non c'è stata piena omogeneità timbrica, egli è stato in grado di muovere dinamicamente ogni nota, dandole vita e significato, sopperendo così ad alcune imperfezioni tecniche con la sua stupefacente capacità interpretativa. I piani, in particolare, sono stati di una forza emotiva ben più intensa di qualunque forte, eseguiti con la maestria e la padronanza tecnica dei grandi artisti.

Il bis della furtiva, poi, ha sancito il definitivo plauso del pubblico: Rolando ha riscattato il timore dell'attacco preso dal basso la prima volta e ha rapito gli spettatori attoniti con una grande interpretazione di chi sa ogni volta "ripetersi rinnovandosi", scoprendo e regalando sfaccettature sempre nuove alle stesse note. Quando in un'opera il pubblico non cessa di applaudire e chiede un bis rompendo la verosimiglianza teatrale, ci si abbandona all'Arte pura. Per dirla con Muriel Barbery "è come se le note musicali creassero una specie di parentesi temporale, una sospensione , un altrove in questo luogo, un sempre nel mai."
Grazie Rolando per questa magia carica di infinito e di eternità che ci hai regalato!
Clara Bertella


Rolando con Clara - foto: Nadia

7 comentarios:

  1. Personne ne peut voir tous les spectacles qui aimeraient voir, mais grâce à ce blog se sent comme il est réellement vu. Un grand merci à tous!
    Ivana

    ResponderEliminar
  2. Las crónicas de Sandro, derriten mi corazón...
    Escribe con tanta calidez, tanta ternura y como un buen conocedor.
    Agradezco a Sandro, Margherita y Nadia tanta fiel devoción por Rolando...Y si lee este comentario, deseo que reciba desde mi Buenos Aires Querido, un gran abrazo y bendiciones para éstas próximas fiestas tanto para él como para su hermosa familia

    ResponderEliminar
  3. Mille grazie Sandro pour nous avoir peint cette soirée fantastique avec notre exceptionnel Nemorino.
    Rolando, nous le savons,est unique, mais il arrive encore à nous surprendre et à nous émerveiller, c'est là sa magie.
    Merci à Clara, pour son commentaire plus technique, peut-être plus objectif, mais aussi très enthousiaste et chaleureux.

    ResponderEliminar
  4. Caro Sandro, oramai stai diventando il nostro cronista personale. Che bel resoconto ancora una volta!! Tante grazie e grazie anche a Teresa per la pubblicazione.
    Siete stati fortunati aver potuto assistere a questo "Elisir", che pare sia stato il non plus ultra.
    Come sempre le tue parole e i tuoi commenti ci hanno dato l'occasione di vivere quasi dal vero questo spettacolo.
    Mi fa sempre tanto piacere leggere le tue analisi da connaisseur!!
    Colgo l'occasione di augurare a te, Nadia e Margherita buonissime feste di Natale e tutto il migliore di questo mondo per il 2012, con la speranza di ritrovarci presto. Abbracci affettuosi.

    ResponderEliminar
  5. catherinecita15/12/11 14:37

    Grazie infinite a Clara et Sandro !!!
    2 commentaires différents mais qui se rejoignent sur un point crucial : Rolando est LE Nemorino qu'aurait rêvé Donizetti et que nous avons l'immense chance d'applaudir à présent, à la fois rêveur,espiègle, drôle, naïf, attendrissant et même passionné, et dont le chant nous subjugue autant par sa maîtrise que par sa sensibilité.
    Le fait qu'il renouvelle dans chaque production, et même à chaque représentation, son interprétation du rôle est un PLUS qui le caractérise.
    Une fois encore,je dois le répéter : comme Rolando était Werther ou Hoffmann, il EST Nemorino.....
    Du grand ART !!!

    ResponderEliminar
  6. Anónimo7/8/12 18:46

    Clara, sei sempre splendida! Complimenti.

    ResponderEliminar
  7. Non posso che mettermi in fila per fare i complimenti a Clara. Bellissima e bravissima. In scena...!

    ResponderEliminar